Disturbi di apprendimento: Bambini 6 - 11 anni

In questa fascia di età i bambini imparano a scrivere, leggere e far di conto; ma per poter realizzare tutti questi apprendimenti è necessario che i bambini non abbiano avuto problemi di linguaggio, di fonazione o delle funzioni del cavo orale nella fascia di età 0 – 5 anni

Il linguaggio è un sistema che cresce con il bambino e il suo sviluppo si può “ammalare” come ogni altro sistema

Il Metodo Referenziale è in grado di rispondere a queste domande:

Perché mio figlio scrive male?

La disgrafia non è una malattia: scrivere è una funzione complessa legata alla maturazione o meno di strutture neuro-muscolari che coordinano la forza e il gesto della mano e i movimenti dell’occhio. Lavorando su tutti i livelli che costituiscono la competenza del tratto grafico il Metodo Referenziale può risolvere questa piccola difficoltà

Perché mio figlio non legge bene?

La dislessia (che significa disturbo di lettura) può essere la conseguenza di un pregresso disturbo delle funzioni del cavo orale. I movimenti dell’occhio necessari alla lettura sono effettuati da muscoli facciali. Il riequilibrio neuro-muscolare dei muscoli facciali e dell’articolazione del linguaggio può risolvere definitivamente questo disturbo solo se collegato ad un lavoro sulla “forma delle parole”. I disturbi della comprensione del testo sono solo la conseguenza della fatica e dell’impegno necessari al processo disfunzionale di lettura

Perché mio figlio non comprende le operazioni?

I disturbi del calcolo si possono affrontare e risolvere solo cercando il momento in cui un bambino non ha interiorizzato un concetto: addizionare, sottrarre, dividere e moltiplicare non sono parole con alta frequenza d’uso. Sono concetti che devono essere elaborati a partire da concetti più semplici. Fare un cammino a ritroso alla scoperta del “momento concettuale” in cui il bambino si è fermato, è l’unico modo per ripristinare uno sviluppo concettuale fisiologico

Perché mio figlio non impara le tabelline?

La didattica impiegata nello studio delle tabelline alcune volte tende a privilegiare il calcolo rispetto all’abilità mnemonica. Spiegare al bambino che le tabelline sono un mezzo veloce per effettuare i calcoli significa aiutarlo ad impararle a memoria. Ricordiamo che le tabelline imparate attraverso il processo di memorizzazione consentono di velocizzare l’operazione dell’addizione e sono la premessa necessaria per l’apprendimento della divisione

Perché mio figlio ha i denti "storti"?

Un bambino necessita di ortodonzia quando gli elementi dentali decidui o permanenti non hanno una posizione fisiologica all’interno del cavo orale. Tranne alcuni casi di agenesia dentaria, problemi scheletrici, o altre patologie specifiche, i denti vengono spostati dalle forze esercitate dal muscolo linguale. Quando la lingua non lavora in fisiologia durante la masticazione, la deglutizione e la fonazione, le forze espresse determinano lo spostamento e/o il non corretto posizionamento degli elementi dentari. Per questo è necessaria una stretta collaborazione tra l’Ortodonzista e il Logopedista

Perché mio figlio anche se è intelligente non va bene a scuola?

Il “sistema linguaggio” si sviluppa nel bambino insieme a tutti gli altri sistemi. Molte possono essere le cause per cui questo sistema non cresce bene: respirazione orale, scarsa coordinazione oculo-motoria, problemi fonologici (es: s interdentale), ostacolano il passaggio dal parlato alla simbolizzazione dei suoni necessaria per l’apprendimento della letto-scrittura. La difficoltà di concentrazione e di comprensione di testi in letto-scrittura costituiscono l’effetto di un problema già presente nei 4 anni di parlato che precedono l’inserimento nella scuola primaria

Il Metodo Referenziale cura la causa insieme all’effetto

Vieni a trovarci nelle nostre sedi o punti Alint

Contattaci per un appuntamento la prima visita è gratuita

Via Veturia 45 – 00181 Roma

+39 3667866544

info@alint.it

Lascia un messaggio

Share This